La risonanza amorosa del mondo: Silvia Comoglio, “Afasia”

Bisognerebbe disporre di una lingua nuova per scrivere di Silvia Comoglio: di una lingua all’altezza del suo “italiano così intensamente pensato nella lingua delle origini”, come lo definisce Elio Grasso nella postfazione a questo bellissimo Afasia (Anterem, 2021), forse l’opera più compiuta della poetessa piemontese. Compiuta proprio per il suo rinunciare a ogni tentativo di compiutezza. È un discorso poetico condotto per frammenti, scandito da figure ricorrenti -la terra, il bosco, la nudità…- che si eleva a dichiarazione di un amore transitivo e intransitivo, non dicibile, risolvibile solo con l’elicitazione di tutte le potenzialità della parola. Coi suoi vocaboli scomposti, spesso forzati nella sillabazione e negli accenti, coi suoi punti esclamativi a sorpresa, Comoglio “attiva le occasioni ottiche del lettore, che ascolta vedendo e guarda udendo in pienezza di sensi” (ancora dalla postfazione di Elio Grasso). Dell’amore, insegna Roland Barthes, si può dire solo a frammenti. Ma questi frammenti sono una totalità e rinviano a loro volta a un tutto. Comoglio non crea significati, mette in moto interi campi semantici. Accumula visioni sonore, schegge di mondo primordiali, in uno stato apparentemente sonnambolico; ma ognuna delle sue visioni è legata all’insieme da vigorosi contrafforti; e l’insieme si regge su queste basi minuscole ma solidissime.

Terra di leggenda, a taglio germogliata,

la terra che ripara il tempo in sua fessura, in vor-

tice che bacia ore di cesura e il mondo, Della guancia!,

curvato in afasia, in punto, pìccolo di pietra, fiorito,

in volo, come addio, cóme Sempre che si sghemba –

in curve di nudi melograni virati in a-fasia

Delle quattro sezioni in cui è suddiviso il libro –Afasia, Antimondo, Chiaroveggenza, Luminescenza– la prima, quella eponima, è la più lunga e corposa. La seconda raccoglie apparizioni e voci, embrioni di monologhi articolati lungo una trama di congiunzioni e disgiunzioni -frequenti infatti le poesie che iniziano con (e) o (ma)– fino alla liberatoria dichiarazione finale:

l’antimondo! è il solo punto

in cui l’alba si sorride: il forte

bacio di chi bacia noi che siamo

tutti – i paradisi!

La terza sezione, Chiaroveggenza, ha un tono più sapienziale, e inanella corruschi aforismi e misteriose dichiarazioni:

l’illusione, sapete, è sempre così sapiente,

ordine di scie archetipe di mondi a-

vidi di mondi

[è tutta, tutta-morta!, la luna che si sente

tánto, stanca-stanca!, nel tempo di paura

ho-fatto-il-sogno dell’orso dentro al mondo,

di te-che-cerchi il bosco dopo il mondo

Luminescenza, infine, si presenta come la parte più risolta, ma anche la più spasmodica, del poema:

l’ombra era il sogno –

di credere di averti, la riva che visse,

al largo del suo corpo, a prestito di tempi

ìntegri di mondo –

Siate buono, bimbo mio, dove

do sogno di vedervi, e la notte

è solo foglia e il bosco ancora mio,

ancora stretto ai polsi e ancora –

solo, solo mio, “ancora, a prua,

sulla barca, nel recinto delle ombre,

nel luogo eterno e inesistente

di case e di roseti, di impronte –

slacciate, slacciate fino in fondo,

ad obolo che cresce in eccesso –

di lunghi baci lunghi

cullati a terra di rimbalzo –

Nel corso del suo viaggio, l’autrice non si presenta mai come soggetto: “La forma della poesia è lo spazio poetico che la poetessa si ritaglia nel proprio destino ritmico, restando assente come io lirico”, scrive Elio Grasso. Silvia Comoglio resta in ascolto della risonanza amorosa del mondo, e in essa si identifica.

afasia-silvia-comoglio_thumb.jpg

3 pensieri riguardo “La risonanza amorosa del mondo: Silvia Comoglio, “Afasia””

      1. Non perdo nessuno dei tuoi post! Mi arricchiscono! (Sono affamata di Bellezza!)
        Buona serata.
        Adesso si vede la Roma… vabbè, un po’ di leggerezza ci vuole!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...