Bufalino e io

“Quanti vorrebbero morire di colpo, morire nel sonno” scriveva Bufalino nel Malpensante. “Io no, io mi auguro una lunga, aperitiva agonia”. È morto in un incidente stradale. Anche Camus, alla domanda su quale sarebbe stata per lui la morte più assurda, rispose: in un incidente d’auto. La sorte gli aveva riservato proprio quella fine.

Mio nonno aveva un anno in più di Camus: è morto nel 2009. La morte spezza la solidarietà generazionale: Guido Morselli e Alan Turing, coetanei di mio nonno, risultano misteriosi e lontani, “di un’altra epoca”. Mio nonno no, appartiene anche alla mia epoca.  Non è la data di nascita a decidere di quale periodo storico fai parte, ma quella di morte. Non avevano tutti i torti quei vecchietti che, per dire “è un mio coetaneo”, dicevano “è un mio contemporaneo”: cercavano di salvaguardare la solidarietà della loro generazione, prima che la morte intervenisse a sparigliare le carte…

Ho un rapporto di amore-odio con Bufalino: amore per il suo stile e per la malinconia che lo sostiene, odio per la qualità melodrammatica e leggermente misogina delle sue visioni. È uno che applica un grandioso sentimento a una materia greve, e questo me lo rende sia umano sia leggermente respingente. Ha il fascino di essere un autore quasi postumo, che ha scritto tutto negli ultimi anni di vita, in una grande gittata, come se presentisse l’incidente stradale in cui avrebbe trovato la fine. Da esperto scacchista qual era, ha fatto a gara con la morte, ed è riuscito a lasciarci un bel gruzzolo di opere prima di perdere la partita.

Bufalino è come Fellini quando si compiace di mostrare nella loro artificiosità mari finti e onde di cartapesta. Nella sua poetica anche la vita vera deve suonare falsa, consunta, più simile all’opera lirica e al cinema che alla realtà.

Caratteristiche degli scrittori siciliani sono un vivido senso della forma e un senso cristallino della morte.

Un pensiero riguardo “Bufalino e io”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...