Eliza Macadan, “Pioggia lontano”

“La poesia occidentale ha perso l’uso del grido” scrive Cioran nei Quaderni. Ma Eliza Macadan non ha paura del grido. Certo lo affianca con l’ironia, lo circoscrive col gioco (Pioggia lontano si apre coi versi «facciamo che / io mi nascondo qui / e tu mi trovi / fra cent’anni» nella dedica a Luca). Ma… Continua a leggere Eliza Macadan, “Pioggia lontano”